Condividi

Tappa 06 - Da Chiavari a Portofino

gio 03 Mar 2011

Sveglia presto, dopo una serata di chiacchiere informali, ma interessanti con Gianluca, la carissima persona che ci ha ospitato per la notte. Partenza alle 7,00 per un tappa lunga circa 22 km, percorsi lungo sentieri che ci hanno portato a vedere diverse chiese: dopo la prima salita abbiamo raggiunto il Santuario di N. S. delle Grazie, un edificio del XIV secolo, passando successivamente vicino alla chiesa intitolata a S. Pantaleo (del XIII sec.) e dopo alla parrocchia di S. Ambrogio. Parlando tra noi abbiamo ragionato intorno all’importanza della chiesa per le comunità nel passato, che assumeva un ruolo anche sociale per il paese.
E allora ci domandavamo perché non pensare anche oggi a un utilizzo più ampio e diversificato delle chiese, che permetta di tenerle aperte oltre l’orario della S.Messa festiva.
Continuando il nostro cammino siamo poi passati da Zoagli, dove abbiamo fatto una sosta perché eravamo in “debito di zuccheri” avendo fatto colazione intorno alle 6,00. Successivamente abbiamo attraversato Rapallo, un altro gioiellino del golfo del Tigullio, poi Sta Margherita ligure, dove con i nostri zaini abbastanza voluminosi (il mio pesa circa 12 kg, perché trasporto un po’ di “tecnologia”, ossia due GPS, un netbook, due cellulari, un caricabatteria per IPhone) siamo passati all’interno di un mercato all’aperto.
Accompagnati dalla pioggia siamo infine approdati a Paraggi, dove ci aspettava Mario, il marito di Enrica, che è stato con noi in questi giorni con il camper per sopperire a eventuali carenze di ospitalità. Dopo pranzo abbiamo lavorato per continuare il dialogo con chi ci segue e poi abbiamo terminato la camminata a Portofino in Piazza della Libertà, scoprendo però che il percorso pedonale è attualmente interrotto perché è franato un muro.
Purtroppo qui non siamo riusciti né ad avere ospitalità né incontri con comuni e Associazioni, nonostante avessimo cercato contatti nelle settimane scorse, anche perché il Comune di Portofino è commissariato, e quindi per la prima volta dovremo dormire sul camper, che domani mattina ripartirà alla volta di Inzago.
E stasera a nanna presto: domani ci attende una tappa un po’ impegnativa!

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading

Altre pagine di diario