Condividi

Tappa 48 - Da Castres a Abbaye Ste Scholastique

mar 19 Apr 2011

Dopo una notte trascorsa tra cani, gatti e peluche, usciamo da casa di Gwenda e Yannis, per riprendere il cammino, attraversando l’intera città di Castres, da est a ovest, passando naturalmente per la Mairie.  
Il cammino urbano è comunque gradevole, tra casette pulite, strade tranquille, un lungofiume erboso, strade alternative alle strade principali che ci fanno sfiorare appena la zona industriale.
E poi un lungo passaggio in mezzo a zone rurali, con lievi dislivelli collinari, campi coltivati, vacche al pascolo, persino una nutrita mandria di lama che bruca l’erba di un grande prato verde, sotto l’occhio vigile di un cavallo.
Lungo la strada incontriamo un ragazzo che ricorda il protagonista di “Into the wild”, senza sacco a pelo, ma con un sacco di stoffa con i lembi annodati portato sulle spalle e una chitarra: non è un pellegrino, ma in questa zona e in questo periodo dell’anno ipotizziamo che si stia recando a Carcassonne, una splendida città medievale che noi purtroppo non visiteremo nel nostro viaggio.
Ci fermiamo a pranzare sul prato di un campo di calcio, dopo Viviers-les-Montagnes, poco prima di raggiungere la meta di oggi, cioè un’abbazia benedettina femminile nei pressi di Dourgne.
Negli ultimi chilometri della tappa la brezza leggera del mattino si trasforma in un vento forte che ci spira contro e ci rende faticoso il cammino.
Soeur Jean-Marie ci conduce in una struttura non interna all’Abbazia, ma distante poche decine di metri e utilizzata per l’accoglienza di pellegrini, gruppi parrocchiali, ma anche turisti di passaggio; offrono, volendo, il servizio “mezza pensione”, che noi accettiamo per goderci il posto, anche se vicinissimo ad una strada dove i veicoli sfrecciano veloci. Nel pomeriggio sento Marco, il papà di Marcella, che mi avvisa di essere stato ricoverato in ospedale per una polmonite: restiamo in contatto con il pensiero e gli sms.  
Alle 18,00 ci rechiamo in chiesa per i Vespri, pregati con canti Gregoriani, prima di andare a cena dove incontriamo nuovamente un trio di francesi già conosciuti in tappe precedenti.

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading

Altre pagine di diario